PACECO BEFFATO NEL FINALE, PASSA ANCHE L’EBOLITANA PER 1-2

paceco-ercolanese

Match da ultima spiaggia per il Paceco, che dopo il successo a San Cataldo aveva bisogno del bis interno contro l’Ebolitana per avvicinarsi ancora all’ultimo posto dei playout salvezza, occupato proprio dai campani. Un vero e proprio spareggio che il Paceco invece non ha saputo sfruttare, venendo sconfitto in pieno.

PACECO – EBOLITANA 1-2

PACECO: Noto, Lo Bue, Cappilli (Virgilio 44’st), Terlizzi, Bulades (Giannusa 17’st),
Marino P., Raia, Bognanni, Colace, Terranova, Di Piedi.
All. Ciccio Di Gaetano

EBOLITANA: Lombardo, Padovano, Gambardella, Russo, Nigro, Imparato, Coulibaly
(Serroukh 21’st), Federico (Della Corte 21’st), Scalzone, Mounard, Stoia.
All. Alfonso Pepe

MARCATORI: Scalzone (E) 25’pt, Terlizzi (P) rig. 43’pt, Scalzone 48’st

NOTE: AMMONITI: Padovano (E) 32’st, Russo (E) 39’st

CALCI D’ANGOLO: 4-11

RECUPERO: 1 min pt, 4 min st

Primi 15′ minuti di studio e abbastanza soporiferi, seguiti poco dopo da una punizione per il Paceco dal limite battuta malissimo e da un inserimento ospite di  Scalzone, trovato in piena area ma chiuso facilmente dal giovane portiere Noto. Al 22′ primo pericolo locale con  Bulades che da sinistra pennella in area per la testa di Di Piedi che finisce alto. Buon momento per il Paceco che tiene palla e a cavallo del 25′ trova un angolo dopo una buona verticalizzazione di Bognanni, deviata da un difensore. Dal corner altro colpo di testa di Marino, che finisce debole tra le mani di Lombardo. Nel momento migliore arriva quasi a freddo il gol ospite. Fa tutto Scalzone che recupera palla in area dopo un disimpegno errato della difesa, avanza in area dalla destra e lascia partire un tiro a giro imparabile per Noto sul secondo palo. La sfida si ripete 1 minuto dopo, stavolta da sinistra, ma è bravo Noto a tuffarsi e respingere basso. Il Paceco incassa il colpo ma prova a non abbattersi, anche se la manovra risulta spesso farraginosa, iniziando anche ad esporsi alle ripartenza ospiti. Al 30′ il tiro da fuori di Terranova risulta troppo debole e centrale, cosi come la sua incursione personale al 35′, comoda per il portiere. Nel mezzo il tentativo ospite di Stoia  che si ritrova in piena area a calciare prima dell’intervento di Noto in anticipo. La partita si anima e le due formazioni si allungano, al 44′ secondo episodio chiave del match, stavolta per il Paceco, che trova il penalty per una spinta di Coulibaly su Terranova in piena area. Terlizzi trova l’angolo giusto e la pareggia, portando i suoi al riposo sul 1-1.

Tra le nubi dense del Provinciale si torna in campo con il Paceco che si fa vedere pericolosamente al 4′, quando Cappilli arriva sul fondo mette in area da destra ma Di Piedi stecca lo stop lasciandosi chiudere dalla difesa. Risponde poco dopo l’ Ebolitana, che colleziona due corner in serie e un paio di mischie ben sventate, con Noto protagonista nell’ultima con uno splendido intervento basso su Russo. Paceco che torna pericoloso al minuto 8, dopo un bel filtrante di Colace in area per Terranova che da posizione defilata incrocia troppo. Pioggia e nervosismo accompagnano il match, che al 17′ regista un brivido con Storia che scappa sul filo del fuorigioco, ma su Noto in uscita mette clamorosamente a lato. Minuto 22′ ancora Paceco, Terranova scappa sulla sinistra, mette basso in area,  ma Cappilli ciabatta gravemente da ottima posizione tra le mani del portiere. Sempre Noto protagonista al 24′ su una punizione missile degli ospiti calciata da Scalzone e deviata al meglio in corner. Squadre che di certo non si risparmiano e protagonisti pronti a lottare su ogni palla anche in maniera aggressiva. Girandola di cambi e di moduli per entrambi gli allenatori per gli ultimi 15′ che restano sempre intensi, anche se manca la lucidità per entrambe nell’ultimo passaggio. Altro duello Noto Scalzone al 43′ e altra bella parata dell’estremo locale che mette in angolo. 4 i minuti di recupero e bello inserimento di Lo Bue in area in attesa dell’assist centrale di Terranova, che risulta un filo alto. Quando il pareggio sembra alla fine il risultato più giusto arriva la beffa per i padroni di casa. Punizione dal vertice sinistro di Mounard, difesa locale in panne e anticipo su tutti del solito Scalzone che batte Noto e spazza le residue speranze dei locali per il definitivo 1-2.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *